lunedì 19 gennaio 2009

Wallace Stevens, Tredici maniere di guardare un merlo





Tredici maniere di guardare un merlo

I.
Fra venti monti nivei
L'unica cosa mobile
Era l'occhio del merlo.

II.
Ero di tre voleri,
Come un albero
Su cui stanno tre merli.

III.
Girò il merlo sui venti dell'autunno.
Fu breve parte della pantomima.

IV.
Un uomo ed una donna
Sono uno.
L'uomo e la donna e il merlo
Sono uno.

V.
Non so se preferire,
Bellezza di cadenze
O d'allusioni,
Il sibilo del merlo
O quel che segue.

VI.
Riempivano i ghiaccioli il finestrone
Di barbarico vetro,
Dove l'ombra del merlo
Trascorse e ritrascorse.
Scovò lo stato d'animo
Cagione indecifrabile
Nell'ombra.

VII.
O esigui uomini d'Haddam,
Perché vi figurate uccelli d'oro?
Non vedete che il merlo
Cammina intorno ai piedi delle donne
Che vi circondano?

VIII.
Io so nobili accenti
E ritmi luminosi e inevitabili:
Però noto m'è pure
Che il merlo è coinvolto
Nelle cose ch'io so.

IX.
Quando scomparve a volo,
Il merlo segnò il margine
D'uno di vari circoli.

X.
Alla vista dei merli
Volanti in verde luce,
Fin l'orgie d'eufonia
Davano un grido acuto.

XI.
Viaggiò per il Connecticut
In un cocchio di vetro.
Una volta lo strinse lo sgomento,
Quando prese in isbaglio
L'ombra del suo equipaggio
Per un volo di merli.

XII.
II fiume trasalisce:
Deve volare il merlo in questo istante.

XIII.
Fu vespero l'intero pomeriggio.
Nevicava,
Per nevicare ancora.
Ed il merlo s'assise
Fra le membra del cedro.

-Wallace Stevens-


"Mattino domenicale e altre poesie" - Einaudi 1988

traduttore Renato Poggioli

8 commenti:

nina ha detto...

grazie Iris mascherato di rosso papavero, tra parentesi deliziose di un'immagine scovata per caso, che ti ha portato a me.

nina

papavero di campo ha detto...

nina!
prendi un viola un rosso un nero
e mischia un iris un papavero un merlo
che ne vien fuori?

nina ha detto...

una favola tra parentesi e fischiettìi

Caty ha detto...

come il bianco della neve , il nero merlo guarda e ascolta

papavero di campo ha detto...

giusto! (una favola)

primattore (l'immaginazione)

Paolo del 1948 ha detto...

abbiamo recentemente imparato che ci sono affinità letterarie e poetiche fra wallace stevens e mark strand.
c'è in loro la capacità di guardare e di saper far vive una immagine.
e in genere irrompe una qualità del soggetto, come questo corvo
è un filone poetico che scopro di amare molto
volevo anche dirti la mia soddisfazione nel vedere segnalato il traduttore.
che ne sarebbe di me , povero lettore poco addestrato alla sapienza delle lingue, senza questi gentili lavoratori della traduzione?
grazie a tutti, autori, traduttori, bloggeristi

papavero di campo ha detto...

pogioli lo merita di essere segnalato, se memoria non mi inganna è pure traduttore di lirici russi, un'antologia Il fiore del verso russo ( alexandr Bloch, anna achamtova)

grazie a te invero per la tenacia di disseminare tracce percorribili ed amabili!

papavero di campo ha detto...

poggioli con due gg,
renato poggioli!

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.