martedì 29 settembre 2009

Faccio una piccola raccolta di foglie e mi sovviene Walt Whitman di Foglie d'erba













Walt Whitman

Continuità

Nulla è mai veramente perduto, o può essere perduto,
nessuna nascita, forma, identità - nessun oggetto del mondo,
né vita, né forza, né alcuna cosa visibile;
l'apparenza non deve ingannare, né l'ambito mutato confonderti il cervello.
Vasti sono il tempo e lo spazio - vasti i campi della Natura.
Il corpo lento, invecchiato, freddo - le ceneri rimaste dai fuochi di un tempo,
la luce degli occhi divenuta tenue, tornerà puntualmente a risplendere;
il sole ora basso a occidente sorge costante per mattini e meriggi;
alle zolle gelate sempre ritorna la legge invisibile della primavera,
con l'erba e i fiori e i frutti estivi e il grano.




da "Foglie d'erba" - Canto di me stesso - di Walt Whitman

io ozio e esorto la mia anima,
mi chino e indugio ad osservare un filo d'erba estivo,
....

accolgo la natura nel bene e nel male, lascio che parli
a caso,
senza controllo, con l'energia originale.

....

respiro la fragranza, la riconosco e mi piace.

....

Il fumo del mio fiato.
Echi, gorgoglii, diffusi bisbigli, radice d'amore,
filamento di seta, inforcatura e viticcio,

....

il sentore delle foglie verdi e delle foglie secche..

....

il gioco delle ombre e dei riflessi all'oscillare dei rami
flessuosi,

....

ascolterai da ogni parte e filtrerai da te stesso.

....

limpida e dolce è la mia anima e limpido e dolce è
tutto quello che non è la mia anima.
Se manca uno mancano entrambi e il non veduto è
provato dal veduto,
finché questo non diventi visibile e debba a sua
volta esser provato.

....

solo la nenia mi appaga, il mormorio della tua voce a
bocca chiusa.

....

Che cos'è l'erba? mi chiese un bambino
portandomene a piene mani;
come potevo rispondergli? non so meglio di lui che
cosa sia.
Suppongo che sia lo stendardo della mia vocazione
fatto col verde tessuto della speranza.

O forse il fazzoletto del Signore,
un ricordo profumato lasciato cadere di proposito,
con la cifra del proprietario in un angolo sicché
possiamo vederla e domandarci di chi può essere?

O forse l'erba stessa è un bambino, il bimbo generato
dalla vegetazione,
o un geroglifico uniforme
che voglia dire, crescendo tanto in ampi spazi che in
strette fasce di terra,

....

il più minuscolo germoglio ci dimostra che in realtà
non vi è morte,
e che se mai c'è stata conduceva alla vita e non
aspetta il termine per arrestarla,
e che cessò nell'istante in cui la vita apparve.

Tutto continua e tutto si estende, niente si annienta.

....
....


Whitman!

ovvero l'irruenza panteista

e la percezione tantrica del corpo elettrico

e la democrazia del feeling senza aspettare Obama!

ovvero la beat generation senza aspettare Ginsburg,

ovvero tutta la sannyaseria oshiana senza andare in un ashram indiano,

e tutta la sensibilità moderna inclusiva del new age con sottofondo di Mike Olfield,

tutto ante litteram nel poeta bardo cantore dello spirito libero americano, nato nel 1819 e morto nel 1892.

beh pare abbastanza!


6 commenti:

simonapinto ha detto...

Io celebro me stesso, io canto me stesso, | e ciò che io suppongo devi anche tu supporlo | perché ogni atomo che mi appartiene è come appartenesse anche a te! WW
;-) un abbraccio
...belle pure le sue iniziali...

papavero di campo ha detto...

ehi simona salute a te!

"non un pollice è da scartare o frazione di pollice e
niente deve essere meno familiare del resto"

chi altri mai ha cantato l'intero così?!! l'unità di corpomente!

e la cosciente celebrazione nel contempo dell'uno e del due:

"l'esatto valore di uno e l'esatto valore di due e chi è
in vantaggio?"

simonapinto ha detto...

fai un salto sul mio blog...sorpresina

papavero di campo ha detto...

le vie delle sorprese!

sabrine d'aubergine ha detto...

Un post che emoziona... i versi, le foto, gli scambi tra persone che parlano le parole dei poeti come fossero una lingua. Molto bello,
Sabrine

papavero di campo ha detto...

ciao sabrine! grazie delle tue parole

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.