giovedì 4 febbraio 2010

Venezia. Ponte de la Saca. Sacca della Misericordia









Corto Maltese sibila di venire qui e Josif Brodskij il poeta che dice

" Ti devo sussarrare all’orecchio qualcosa:
per tutto io sono grato, per un osso
di pollo come per lo stridìo delle forbici.. "


per lui la vista da qui è il più bell'acquerello del mondo

(i versi di Brodskij sono da "Poesie Italiane/Elegie romane")


4 commenti:

cocozza ha detto...

Avevo visto in tv che c'era la neve a Venezia che bello ho pensato, anche nei dipinti della mostra c'è n'è uno con la neve
belle le foto papaveresche!
bacioni cocozza

papavero di campo ha detto...

cara cocozzina ho subito gioito alla neve ma è stata solo un'imbiancata, l'acqua però era salita! grazie dell'apprezzamento delle foto, ti lascio immaginare che è stato un clic continuo!
un grande abbraccio!

Artemisia Comina ha detto...

eh eh qui stavi dalle parte di casa mia. ;)

papavero di campo ha detto...

eh eh lo sapevo! mi ricordavo che dalle tue finestre si vede la madonna dell'orto,
amo in special modo le zattere ed anche la vista dalle fondamenta nove ma questa parte della misericordia e sensa ha un grande fascino, è suolo battuto solo veneziano,
che xxxx aver casa lì lo sai vero?

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.