martedì 16 febbraio 2010

Venezia. Sabbie e nebbie. Spazio di minimalismo giapponese in Calle dei Nomboli - Sestriere San Polo -











tra S.Tomà e S.Polo, adiacente alla casa di Goldoni, vicino alla chiesa del Frari, al 2768/A di Calle dei Nomboli, sono attratta dalla vetrina animata di oggesttistica giapponese, la cui bellezza sempre si ritaglia un alone di poesia attorno,

leggo da notizie in web che il negozio è di Maria Teresa Laghi che dal 2000 propone una selezione di oggetti di artigianato e design di grande ricercatezza ispirati ad un giapponismo essenziale e minimalista. Ceramiche, porcellane, quaderni, stuoie, teiere giapponesi in ghisa, ciotole,

il mio papavero ha lì sostato un po', riconciliato all'aura tutta particolare della semiologia del giapponismo che in un ossimoro continuo dice assieme della caducità e della ritualità, di ciò che passa e di ciò che resta


2 commenti:

Artemisia Comina ha detto...

lì mi ci infilo sovente :)

papavero di campo ha detto...

porte che si varcano volentieri:-)

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.