venerdì 27 maggio 2011

Un visibilio di rondini. Ebbre di spazio nel cielo di Castagneto Carducci al crepuscolo

acuminate
grida delle rondini
a tarda sera


un vecchio haiku, uno dei miei più cari, dal lontano quattro luglio del duemila



video



nel cielo crepuscolare d'un giorno d'un mese d'incanto,

dalla finestra del ristorante Ugo a Castagneto Carducci, nel mentre che s'attende che atterrino sul tavolo pappardelle al colombaccio e lo stesso volatilone selvatico fatto al coccio -che c'ha pure i pallini di piombo!-

all'aria del crepuscolo carica di richiami,

come una falena triste e decisa,

soggiogata alla dodecafonia di rondini pazze urlatrici, ebbre di spazio e di felicità serale,

non posso non piegarmi, avvinta e vinta, al rapimento ancestrale..

ed è la mia infanzia a ricomparire, quella dei cieli d'Abruzzo nella terra dei miei passi bambini di quatrala, la terra di Michetti e di Francesco Paolo Tosti,

ed è la mia tristezza accennata, volta e votata all'usuale malinconico sentire -dolce irresistibile fardello che mi onoro d'accollarmi,

e sarà l'attesa acquolinante di quei mangiari tentatori,

e quel vino Zizzolo che vuol dire giaggiolo, che lì sul tavolo mi sta adescando,

una piccola semplice fitta di felicità che mi percorre il core,

c'è il video infine a mo' di traccia di quel momento,


cielo macchiato
di rondini ebbre arrese
a maggioincanto



27 maggio 2011




Nessun commento:

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.