mercoledì 28 novembre 2007

Il celebre haiku di Matsuo Basho

Furu ike ya
Kawazu tobikomu
Mizu no oto

Ho trovato molte traduzioni del celebre sublime haiku di Matsuo Basho.

Quella che preferisco è

Vecchio stagno
una rana salta
tonfo d’acqua.

Nello specchio antico
d’acque morte
s’immerge una rana.
Risveglio d’acqua.

traduz. di Irene Iarocci

Vecchio stagno
tonfo di rana
suono d’acqua.

traduz. riportata da Giangiorgio Pasqualotto

Il vecchio stagno!
la rana salta
tonfo dell'acqua.

traduz. citata in internet

Nello stagno antico
si tuffa una rana:
eco dell'acqua.

traduz. citata in internet

Sullo stagno morto
il rumore di una rana
che s'immerge.

traduz. citata in internet

Vecchio stagno
Una rana si tuffa
Suono d’acqua

(da internet, rubrica haiku a cura di Hideyuki Doi e Michele Ibba)

Un antico stagno
Una rana vi salta
Il suono d’acqua

(da internet, trilogia di haiku, introduzione all’opera di Benedetto Macaronio, a cura di Renato Pennisi)

Un vecchio stagno
Si tuffa la rana
Rumore d’acqua!

(da internet, trad. citata da Dario Giansanti)

Antica fonte
La rana vi si tuffa
Il suon dell'acqua!

(da internet)

In english:

old pond
a frog jumps
in the sound of water

old pond
frog jumps in
sound of water

old pond
leap-splash
a frog

(da internet, appendices to the bonsai forest)

7 commenti:

Artemisia Comina ha detto...

ce l'ho anch'io, debbo andare a vedere la traduzione, mi pare ancora diversa.

papavero di campo ha detto...

è intrigante la vicenda delle traduzioni ma pure inquietante perchè che cosa in realtà viene tradotto? una trasposizione letterale un significato un'impressione un'idea? un po' di tutto questo?

Artemisia Comina ha detto...

sullo tagno morto
il rumore di una rana che s'immerge.

da magnino, le più belle pagine della letteratura giapponese.

o vecchio stagno!
una rana salta dentro e...
un rumor d'acqua!

da muccioli, la letteratura giapponese.

non un granché entrambe.

la più bella traduzione haimé la regalai anni fa e la ricordo vagamente.

riccard0 ha detto...

Esiste addirittura un libro che raccoglie cento anni di traduzioni italiane!
(la scheda su Anobii)

papavero di campo ha detto...

pardon gentile riccardo! solo ora, in questo preciso momento mi accorgo di un commento che non mi ero accorta di aver ricevuto! (il fatto è che non adottato l'avviso via e-mail! erroregraveerrore!!
e grazie di una preziosissima segnalazione! è questo il bello del web

Michele ha detto...

Una precisazione:

in originale traducemmo

Vecchio Stagno -
Una rana si tuffa
Suono d'acqua

per tre motivi.

1- Il trattino "-" istanzia il kirieji e traduce quel malinconico "ya" con piu' efficacia di un vocativo.

2-OTO è un suono senza caratteristiche particolari, esiste puramente riferito all'acqua, è suo proprio.

3-Le 17 sillabe ripartite in 5/7/5 (foneticamente).

Grazie Mille, pur non avendo piu' notizie di DOI da moltissimo sono certo di parlare anche a suo nome.

Michele Ibba

papavero di campo ha detto...

che piacere Michele che ti sei qui materializzato,
grazie delle precisazioni che sento calzanti pur non potendo apprezzarne il valore riferito alla lingua non conoscendo il giapponese,
ho cercato in web di Ibba e di Doi, trovato poco di te Michele, la rubrica ad esempio da cui attinsi la vostra traduzione non esiste più mi pare, ho trovato alcuni interessanti riferimenti a Doi che ha collaborato molto qui a Firenze -anche un libro con testi suoi e della Bettarini, anche autrice di haiku,
anch'io ne scrivo, da svariati anni ed è ancora una fibrillante scintilla emozionale l'imput a tradurre in haiku un'emozione di vario genere, anche fuori dal kigo,
gentile Michele avrei curiosità circa la tua passione per l'haiku, se lo senti possibile scrivimi (papaverodicampo@alice.it),
grazie comunque moltissimo della visita!

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.