venerdì 22 febbraio 2008

Nanetti at home, Gilberto e Norberto

Gilberto, in cloche gialla e Norberto in choche azzurra


Dede è incuriosita di quanti nanetti abbia, ahimé rispondo due pensando ai due all'addiaccio, Gil e Nor ci restano male e mettono su quei musi da tacito rimprovero, mi tocca prontamente rimediare con un'errata corrige: ci sono anche loro, più piccoli ma non meno saggi.
Sono da interno. Gil fuma una pipa olandese e Nor si aggira sempre con l’ascia e una corda in spalla non si sa mai. Se ne stanno in giro, spesso tra le noci, talvolta su frigo su un cestino rovesciato come una scalinata Maia, oppure si acquattano assieme alle altre numerose presenze popolanti la cucina, non saranno granché originali ma anche per loro è il luogo più amato della casa. Avete presente in Blade Runner la casa dell'inventore- giocattolaio quello che è diventato senex pur d’anagrafe giovane? E quando tra i giocattoli moventi si immobilizza la bella replicante snodata come un ragno? Ecco pure in cucina in casa mia ci sono scene e moti ma occorrono occhi e orecchie fantastici altrimenti c'è solo una miriade di cose.

4 commenti:

dede ha detto...

vorrei correggere: Gilbèrtolo e Norbèrtolo

frittella ha detto...

Come sono belle le foto dei tuoi nanetti.Io sono una patita,ne ho un bel pò in casa e nel mio piccolo giardinetto.Li sposto nei vasi, sulla mensola e sulle scale
o dove mi suggerisce l'estro del momento.
Un abbraccio
Frittella

Artemisia Comina ha detto...

e le fiabe irlandesi? le avete lette? (alle patite della piccola gente, come li chiamano lì)

Geillis ha detto...

Non ha colpito da te il fronte di liberazione dei nani da giardino?
Ma i tuoi non sono nani da giardino, ecco perchè...
:-))

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.