mercoledì 13 febbraio 2008

Risotto allo zafferano con calamari e cavolo nero


Per prima cosa va lessato il cavolo nero -le sue parti più tenere- velocemente in poca acqua e con chicchi di sale grosso;

L'acqua di cottura la utilizzo per la cottura del riso;

In tegame di terracotta con olio, prezzemolo riccio, aglio e un peperoncino fresco piccante, i calamari tagliati a quadretti, far cuocere il giusto e con fiamma al minimo;

Far rosolare un piccolo scalogno in olio e.v.o. buttarvi il riso Carnaroli, far intridere indi aggiungere l'acqua di cottura del cavolo, a metà cottura circa è il momento dei pistilli di zafferano, che ci mettono sempre un po' a disfarsi, qualche minuto prima della fine della cottura arrivano i calamari già cotti e il loro intingolo, amalgamare bene e spegnere il fuoco. A questo punto l'aggiunta finale del cavolo nero.

2 commenti:

Excalibur ha detto...

ma quante cose buone hai postato! Io però mi soffermo sullo zafferano della piana di Navelli..beh beh cavoli, lo zafferano meraviglioso della mia regione di cui sono orgogliosissima! :)

papavero di campo ha detto...

c'è un post bellissimo sullo zafferano da gnocchetto, l'hai visto?

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.