giovedì 3 maggio 2012

un prato




pratoline e papaverini nel prato

con occhi nuovi
il mondo percepire
naturalmente


haiku del 3 di maggio 2012


Era de maggio - Renzo Arbore e l'Orchestra Italiana

 


Era de maggio e te cadeano nzino
a schiocche a schiocche li ccerase rosse,
fresca era ll'aria e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciente passe.

Era de maggio; io, no, nun me ne scordo,
na canzona cantàvemo a doie voce;
cchiù tiempo passa e cchiù me n'allicordo,
fresca era l'aria e la canzona doce.

E diceva: «Core, core!
core mio, luntane vaie;
tu me lasse e io conto ll'ore,
chi sa quanno turnarraie!»


Rispunneva io: «Turnarraggio
quanno tornano li rrose,
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stonco ccà».


E sò turnato, e mo, comm' a na vota,
cantammo nzieme lu mutive antiche;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma l'ammore vero, no, nun vota vico.

De te, bellezza mia, m'annammuraie,
si t'allicurde, nnanz' a la funtana:
ll'acqua llà dinto nun se secca maie,
e ferita d'ammore nun se sana.

Nun se sana: ca sanata
si fosse, gioia mia,
mmiezzo a st'aria mbarzamata
a guardarte io nù starria!

E te dico: «Core, core!
core mio, turnato io sò,
torna a maggio e torna ammore,
fa de me chello che vuò!».



2 commenti:

Chiara Giglio ha detto...

ciao cara, buon fine settimana...

papavero di campo ha detto...

grazie, anche tu! un abbraccio

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.