giovedì 27 marzo 2008

Primavera vien danzando


Una filastrocca che m'è cara molto cara!

Dalle affabulazioni paterne, da quando eravamo piccole fino ad ora.

Sempre un frammento di narrazione scorrevole-piacevole!

Quando si dice che il web è cornucopia: mancavano all'appello della memoria alcuni versi e che piacere averla ritrovata tutta intera!
Ed in più la novità della strofa finale, che papà non ci ha mai detto, non la conosceva? o visto che parlava della mamma non gli si addiceva di recitarla?! fatto è che lui si limitava alle stagioni! E bene fece tanto gli ultimi versi sono melensi e ricattatori alla De Amicis!

La poesia-filastrocca s'intitola "Doni"
è di Angiolo Silvio Novaro (è lui che si chiedeva " Che dice la pioggerellina di marzo?")



Primavera vien danzando
vien danzando alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Ghirlandette di farfalle,
campanelle di vilucchi,
quali azzurre, quali gialle;
e poi rose, a fasci e a mucchi.

E l'estate vien cantando,
vien cantando alla tua porta:
Sai tu dirmi che ti porta?
Un cestel di bionde pesche
vellutate, appena tocche,
e ciliegie lustre e fresche,
ben divise a mazzi e a ciocche.

Vien l'autunno sospirando,
sospirando alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Qualche bacca porporina,
nidi vuoti, rame spoglie,
e tre gocciole di brina,
e un pugnel di foglie morte.

E l'inverno vien tremando,
vien tremando alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Un fastell d'aridi ciocchi,
un fringuello irrigidito;
e poi neve neve a fiocchi
e ghiacciuoli grossi un dito.

La tua mamma vien ridendo,
vien ridendo alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Il suo vivo e rosso cuore,
e lo colloca ai tuoi piedi,
con in mezzo ritto un fiore:
Ma tu dormi e non lo vedi!

3 commenti:

lecartedimauri ha detto...

...bellissime le tue filastrocche!!ciao.mauri

dede ha detto...

Angiolo Silvio Novaro! quanti anni sono passati, meglio non contarli

papavero di campo ha detto...

Dede, la nostra memoria interna a quanto pare non ha età!

ciao Mauri!

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.