martedì 24 febbraio 2009

Dolce medievale con note di mango e zenzero candito


























Dolce medievale con note di mango e zenzero candito


Fatto nella forma a corona, tagliandone un pezzo, ti ritrovi un sampietrino, uno zoccolo duro che hai voluto impreziosire della suggestione medievale, i sapori che avverti sono buoni, ci senti l’ammalloppante farina di castagna, l’aromatico limone, il farro mielizzato, gli altri cereali ex croccanti, ma su tutto ti avvincerà il piccantino e il dolce dello zenzero candito e il dolce e basta del mango candito, e i frammenti di noci e l’inconfondibile grattugiato di cocco che intende prevalere, un pastrocchio un vero pastrocchio all’insegna dolce aromatica che ti invoglierà a successivi bocconi e all’autocompiaciuta considerazione “si fa mangiare”!


Ecco gli elementi sparpagliati che andranno a combinarsi:

250 gr farina dolce
100 gr farina di cocco
50 gr farro soffiato glassato al miele
50 gr di riso soffiato
3 uova usate intere
½ bicchiere di vodka
½ bicchiere di olio di semi di mais biologico
50 gr di noci da spezzettare grosso
2 cucchiai colmi di semi di lino di provenienza biologica
100 gr di zucchero semolato
6 gocce di essenza di limone
1 bustina di lievito per dolci
Zenzero e mango canditi per decorare la superficie
Un po’ di semolino per infarinare lo stampo (di già imburrato)

A 180° forno ventilato (coprire a cottura inoltrata con un foglio di alluminio per non far troppo scurire la superficie) x 40-45 minuti.


un insolito accompagnamento con un magnifico liquore "Cacao cult Corte Cacao Domori" ricavato dal cacao aromatico, si rivela un abbinamento intrigante, sensorialmente amplificante e ad onor del vero, siffatto dolce per parte sua ha ricevuto lode ed enfasi!

16 commenti:

manu e silvia ha detto...

ehi, ma sembra buonissimo!! tanti ingredienti diversi combinati benissimo!! eh...nel medioveo li sapevano farei dolci però!!!
baci baci

Romy ha detto...

Mi hai tenuto col fiato sospeso, con la sequela delle foto....solo che mi è venuto a mancare l'ultimo gradino, in questa ascesa mistica verso il sommo piacere della gola: l'assaggio! Deve essere squisito questo chicco...vodka e farina di castagne, poi, mi sembrano un'accoppiata davvero interessante! Buona giornata, Laura cara! :-)

papavero di campo ha detto...

care gemelline la suggestione medievale gliel'ho appioppata io! il cocco di certo non c'era, però l'aspetto massellone, l'alchimia dei colori cupi, le noci i semi i cereali mi hanno ispirata a questa definizione!
allora un sampietrino a manuela ed uno a silvia!

papavero di campo ha detto...

romy il malloppone è piaciuto molto!
te ne offro con vivo piacere un assaggio ahimé virtuale!

Mary ha detto...

caspita che meraviglia e che ricco in sapore certo che un pezzetto di questa e ti sistemi perbenino ....voglio una fetta , baci!

papavero di campo ha detto...

ciao mary benvolentieri un fettone per te! (questo dolce va a fettoni:)

sciopina ha detto...

dolce pastrocchio intrigante e speziato..

Caty ha detto...

...mi sento tanto come l'animaletto che al centro dello stampo può guardare la delizia senza poterla assaggiare ....un abbraccio

papavero di campo ha detto...

sciopy, osare il pastrocchio!


caty, virtualmente insieme un assaggio e un abbraccio!

Mirtilla ha detto...

hai utilizzato un sacco di cose buonissime per questa bellissima torta ;)

papavero di campo ha detto...

mirtilla, aussi toi idealmente ad un assaggio!

nina ha detto...

da me ha grandinato acini di cicerchiata.ti immagino volteggiar in un ballo medioevale.ciao un bacio cara

pinguil ha detto...

... di sampietrini, di pastrocchi e di ingredienti sparpagliati... troppoo forte!!

papavero di campo ha detto...

nina!
spiluccando e cicerchiando tutti giù per terra!


pinguilina!
giocamus!

Mauri ha detto...

non dovevo aprire questo post!!!e adesso come faccio a perdere i tre chili acquistati in Giappone????

papavero di campo ha detto...

maurizia il giappone! musica per le mie orecchie, la prossima mostra che fai lì vengo con te!

 
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.